Appena rientrato a BetJala ho ritrovato un po’ di freddo e di pioggia…eravamo in attesa e ne avevamo bisogno. Non ha piovuto tanto ma comunque sempre meglio di nulla. Ci sono molte nubi nere all’orizzonte e le previsioni parlano di un fine settimana molto piovoso. Inshallah!!!

Ho trovato anche altro. Abuna Ibrahim, il mio parroco mi ha detto che l’ultimo venerdì erano soltanto in cinque sotto gli ulivi a pregare perchè “la gente è stanca”! Mi ha fatto riflettere quell’aggettivo : stanca!

E’ quello che succede anche a me ultimamente : essere stanco di combattere, di resistere contro quelle nubi di oscurità e quelle tenebre che sembrano inarrestabili e soprattutto stanco di lottare non soltanto contro un muro di cemento ma anche contro i muri di gomma sui quali rimbalzano le nostre richieste di giustizia e di aiuto. Come non capire allora i poveri contadini di BetJala o i poveri disgraziati di Gaza??? Come non resistere anche per loro come diceva il caro amico Giovanni???

“Ti prendono per stanchezza…” lo dicevo sempre ma forse è la prima volta che lo accuso anche sulla mia pelle. Ed è per questo che oggi sento sempre più vicino questo popolo così straordinario per come riesce …continua a leggere

Articolo tratto da: il Blog di Abuna Mario