“Fratelli e sorelle, mai la guerra! Mai la guerra! Penso soprattutto ai bambini, ai quali si toglie la speranza di una vita degna, di un futuro: bambini morti, bambini feriti, bambini mutilati, bambini orfani, bambini che hanno come giocattoli residui bellici, bambini che non sanno sorridere. Fermatevi, per favore! Ve lo chiedo con tutto il cuore. E’ l’ora di fermarsi! Fermatevi, per favore!”

E’ l’ennesimo, disperato appello di Papa Francesco alla pace. Parole pronunciate con fervore al termine dell’Angelus domenicale, oggi, in piazza San Pietro. Come ha ricordato il Pontefice, infatti, domani ricorre il centesimo anniversario dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, che Ratzinger definì “inutile strage”.

“Domani sarà una giornata di lutto nel ricordo di questo dramma – ha commentato Francesco. – Mentre ricordiamo questo tragico evento, auspico che non si ripetano gli sbagli del passato, ma si tengano presenti le lezioni della storia, facendo sempre prevalere le ragioni della pace mediante un dialogo paziente e coraggioso.”

Il pensiero del Santo Padre va in particolare alle tre aree calde, scosse dalla guerra, dalla violenza e dall’odio reciproco: Medio Oriente, Iraq e Ucraina. “Vi chiedo – ha esortato il Pontefice – di continuare a unirvi alla mia preghiera perché il Signore conceda alle …continua a leggere

Articolo tratto da: Terra Santa Blog – TSDTV.it